Questo è uno dei tanti forum sul Cagliari Calcio! Chiunque tifa o simpatizza per il Cagliari si potrà iscrivere! Il forum è aggiornato 24 ore su 24! Il Cagliari Calcio,fondato nel 1920,è la maggior squadra calcistica della Sardegna!
 
IndiceIndice  CalendarioCalendario  FAQFAQ  CercaCerca  Lista UtentiLista Utenti  GruppiGruppi  RegistratiRegistrati  AccediAccedi  

Condividi | 
 

 Champions League

Andare in basso 
AutoreMessaggio
Admin
Admin
avatar

Messaggi : 142
Data d'iscrizione : 11.02.11

MessaggioTitolo: Champions League   Lun Feb 21, 2011 10:42 pm

Per Gattuso arriva la stangata dell'Uefa: Ringhio è stato squalificato per 5 partite!



Il centrocampista rossonero paga a caro prezzo il suo comportamento nel corso di Milan-Tottenham, e l'aggressione a Joe Jordan.
Il Milan sperava nella clemenza dell'Uefa, ma alla fine per Gattuso è arrivata un'autentica stangata. Il centrocampista, dopo i fatti di Milan-Tottenham, gara di andata degli ottavi di finale di Champions League, è stato sanzionato complessivamente con 5 giornate di squalifica dal Control and disciplinary body dell'organismo calcistico europeo.

La sezione disciplinare dell'Uefa ha preso questa decisione dopo aver giudicato come aggressione da parte del rossonero la lite fra lui e il vice allenatore degli Spurs, Joe Jordan, nel post partita. Il centrocampista del Milan era già stato sospeso per la gara di ritorno con il Tottenham, perché diffidato e ammonito nel corso della sfida dell'andata contro gli inglesi a San Siro. Alla squalifica iniziale l'Uefa ha poi deciso di aggiungere altri quattro turni di stop.

Gattuso potrà così giocare solamente l'eventuale finale di Champions, mentre se la corsa del Milan si fermerà prima, tornerà in campo in Europa solamente nella prossima stagione. Il Milan, pur avendo a disposizione tre giorni di tempo per presentare ricorso contro la squalifica del centrocampista, ha annunciato, con un comunicato pubblicato sul proprio sito ufficiale, che non impugnerà la decisione dell'Uefa.
Tornare in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente http://tifosicagliaricalcio.forumattivo.it
Admin
Admin
avatar

Messaggi : 142
Data d'iscrizione : 11.02.11

MessaggioTitolo: Re: Champions League   Mar Feb 22, 2011 11:13 pm

Stasera Lione-Real Madrid e Copenaghen-Chelsea!



Ecco le probabili formazioni del match di andata degli ottavi di Champions tra Lione e Real Madrid:

Lione - Lloris Reveillere Cris Lovren Cissokho Kallstrom Toulalan Delgado Gourcuff Gomis Bastos.

Real Madrid - Casillas S. Ramos R. Calvalho Pepe Arbelda Khedira K.Alonso C. Ronaldo Ozil Di Maria Adebayor.

Ecco le probabili formazioni del match di andata degli ottavi di Champions tra Copenaghen e Chelsea:

Copenaghen - Wiland; Pospech, Zanka, Antonsson, Wendt; Bolanos, Kvist, Claudemir, Grankjaer; Santin, N'Doye.

Chelsea - Cech; Bosingwa, Ivanovic, Terry, A. Cole; Ramires, Essien, Lampard, Malouda; Anelka, Torres.


Tornare in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente http://tifosicagliaricalcio.forumattivo.it
Admin
Admin
avatar

Messaggi : 142
Data d'iscrizione : 11.02.11

MessaggioTitolo: Re: Champions League   Mer Feb 23, 2011 8:11 pm

Il Real non doma la bestia nera. Con il Lione è solo 1-1



Non c'è niente da fare, il Lione resta la bestia nera del Real Madrid. Anche stavolta la formazione francese ha messo in seria difficoltà i madrileni, costringendoli all'1-1 nonostante il vantaggio firmato dal grande ex Benzema.
LE FORMAZIONI - Mourinho non mischia troppo le carte. 4-2-3-1 con l'acquisto di gennaio Adebayor schierato subito titolare. Alle sue spalle un trittico da sogno: Cristiano Ronaldo, Ozil e Di Maria. Puel risponde con uno schema speculare: unica punta Gomis davanti a Bastos, Gourcuff e Delgado.
MEGLIO I FRANCESI - Fin dalle prime battute è la formazione di casa a rendersi più pericolosa. Dopo soli nove minuti, Sergio Ramos rimedia il primo cartellino giallo della partita per un fallo su Bastos all'altezza dei venticinque metri. Gourcuff batte il calcio di punizione, Pepe stacca di testa e libera. La formazione di Mourinho inizia a farsi vedere intorno al quarto d'ora: colpo di tacco di Di Maria per Cristiano Ronaldo. Il numero 7 madrileno però non riesce a prolungare il pallone per Ozil, che era ben piazzato sul secondo palo. Al 23' grande occasione per il Lione: Xabi Alonso sfodera un lancio millimetrico per Gourcuff, Sergio Ramos lo anticipa di un soffio e mette in corner. Qualche minuto dopo, ancora un rischio per il difensore spagnolo. Ci prova poi con un azione incontenibile di Delgado, che dribbla mezza difesa ma viene contenuto da Sergio Ramos spalla contro spalla. Ma l'occasione più clamorosa il Lione la costruisce al 34': da un corner sbagliato dal Real, parte il contropiede tre contro tre. Bastos mette in mezzo, Casillas respinge il cross proprio sui piedi di Gomis, che calcia altissimo! Era un'occasione clamorosa per il vantaggio. Due minuti dopo, Bastos cerca Cissokho che però arriva con un secondo di ritardo. Chiudono in avanti in francesi, che al 41': ci provano con una punizione di Bastos, sulla ribattuta della difesa rimette in mezzo Gourcuff per Lovren, che non riesce a dare forza al colpo di testa.
AVVIO RIPRESA SHOCK DEL REAL - Nella ripresa le merengues colpiscono con un palo e una traversa in due minuti! Prima Cristiano Ronaldo, con una punizione violentissima, centra in pieno il palo. Poi Sergio Ramos, sugli sviluppi di un calcio piazzato, manda di testa direttamente sulla traversa a Lloris battuto. Dopo l'avvio schockante dei blancos, i francesi provano a risollevarsi. Mourinho si gioca la carta dell'ex, Benzema, per Adebayor, decisamente poco incisivo. E lo Special One, che non viene chiamato così per caso, con un po' di fortuna azzecca la mossa giusta: l'attaccante francese, entrato da venti secondi, riceve un passaggio perfetto di Ozil e batte di precisione Lloris, non esente da colpe. 1-0 pesantissimo in trasferta per il Real, che adesso può gestire il vantaggio.
LIONE CON LA FORZA DELLA DISPERAZIONE - Il Lione ce la mette proprio tutta per rimontare, ma manca di precisione e di lucidità. Puel si gioca la carta Pjanic, che nella scorsa stagione aveva creato più di un problema alle merengues. Proprio Pjanic, appena entrato, prova il destro di prima intenzione, fuori di poco. E' solo l'antipasto al pareggio: all'83, ancora da una punizione battuta da Pjanic, Gomis parte sul filo del fuorigioco e di piattone batte Casillas. 1-1 messo a segno da quello che, fino a quel momento, era stato probabilmente il peggiore in campo. Nel finale entrambe le squadre provano ad inseguire il gol del vantaggio, ma ormai sono saltati tutti gli schemi e le squadre sono lunghissime. Il pareggio in trasferta premia gli uomini di Mourinho, che giocheranno il ritorno in casa. Ma il risultato lascia comunque tutto aperto in vista del ritorno. E a Madrid sanno che con la bestia nera Lione c'è ben poco da scherzare.

Lione-Real Madrid 1-1
Lione (4-2-3-1): Lloris Reveillere Cris Lovren Cissokho Kallstrom (Pjanic) Toulalan Delgado (Pied) Gourcuff Gomis Bastos (Briand). All.: Puel.
Real Madrid (4-2-3-1): Casillas S. Ramos R. Calvalho Pepe Arbelda Khedira (Marcelo) K.Alonso C. Ronaldo Ozil (Diarra) Di Maria Adebayor (Benzema). All.: Mourinho.
Marcatori: 20′st Benzema (R), 37′st Gomis


Anelka ne fa due, il Chelsea passa 2-0 a Copenaghen



Il Chelsea torna alla vittoria: due a zero al Copenaghen, grazie a una bella doppietta di Nicolas Anelka, e ipotecato il passaggio ai quarti. Ancelotti riassapora il gusto del successo dopo cinque partite a bocca asciutta.
Nel gelo di Copenaghen, Ancelotti si affida all'incisività del niño Torres, supportato dal duo tutto transalpino Anelka-Malouda sulla trequarti. Solo panchina per Drogba. Nei padroni di casa, Tandem offensivo composto da Santin e N'doye, con Gronkjaer e Bolanos molto alti, disposti con il chiaro intento di tenere basso il ritmo sulle fasce dei londinesi.
Tanto Anelka, poco Torres. Tanto Chelsea, nei primi quarantacinque minuti, e poco, timido, Copenaghen. L'undici di Ancelotti disputa un più che buono primo tempo, sospinto da un centrocampo reso solido e dinamico da Lampard, e spigliato e insidioso dai movimenti di un Bosingwa che quando può tenta di infiltrarsi tra le maglie avversarie e piazzare l'assist vincente. I danesi risultano eccessivamente contratti, nonostante un paio di belle occasioni capitate sui piedi di Claudemir, e si muovono principalmente per vie orizzontali, facilitando la manovra a un Chelsea che riesce a passare con Anelka: corsa via in contropiede, conclusione in diagonale, vantaggio londinese. Con Torres che prova a buttarla in fondo al sacco anche lui, poco dopo, ma la sua conclusione, susseguente a un bell'affondo solitario, è intercettata dall'istinto di Wiland.
Nella ripresa, il Chelsea chiude i giochi. Nonostante la sua manovra risulti meno scoppiettante rispetto al primo tempo, con il Copenaghen che sembra accorgersene ma non riuscire ad approfittarne. E Anelka, allora, cala il secondo asso della serata, insaccando con un altro bel diagonale un assist al bacio dell'ottimo Lampard. Da qui in poi, ben poco. La gara si spegne, nonostante un guizzo di Torres che va vicino al 3-0 e un penalty chiesto - invano - dal Copenaghen (fallo su Gronkjaer, ma tutto fermo per offside). Vince il Chelsea, che fa suo il match di andata e ipotizza il passaggio del turno, ai danni di un Copenaghen che, a Londra, dovrà essere capace di una vera e propria impresa per sperare di riaprire i giochi.

Copenaghen-Chelsea 0-2
Copenaghen (4-4-2) - Wiland; Pospech, Zanka, Antonsson, Wendt; Bolanos, Kvist, Claudemir, Grankjaer; Santin, N'Doye.
Chelsea (4-4-2) - Cech; Bosingwa, Ivanovic, Terry, A. Cole; Ramires, Essien, Lampard, Malouda; Anelka, Torres.
Marcatore: 17',53' Anelka.
Tornare in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente http://tifosicagliaricalcio.forumattivo.it
Admin
Admin
avatar

Messaggi : 142
Data d'iscrizione : 11.02.11

MessaggioTitolo: Re: Champions League   Gio Feb 24, 2011 5:32 pm

Gomez all'ultimo respiro. L'Inter cade in casa col Bayern



Un gol al 90° del bomber tedesco premia un Bayern più intraprendente. L'Inter paga qualche errore di troppo sottopotra.

LE FORMAZIONI – Leonardo si affida all’albero di natale con Stankovic e Sneijder dietro Eto’o. Centrocampo a tre con Thiago Motta, Zanetti e Cambiasso. In difesa Chivu torna a sinistra con Lucio e Ranocchia centrali e Maicon a destra davanti a Julio Cesar. Van Gaal conferma Kraft fra i pali, difesa con Lahm e Pranjic laterali e Tymoshchuk-Badstuber centrali. In mezzo al campo Luiz Gustavo affianca Schweinsteiger. Robben, Muller e Ribery il tridente tutto fantasia dietro bomber Gomez

INIZIO SPUMEGGIANTE – Le due squadre si affrontano a viso aperto fin dai primi minuti. Il Bayern è più aggressivo a centrocampo, mentre l’Inter fatica un po’ a trovare spazi per la propria manovra. Le occasioni da gol comunque piovono da entrambe le parti con Ranocchia ad aprire le ostilità dopo un minuto, quando servito da Sneijder calcia a lato da buona posizione. Tocca poi a Luiz Gustavo da lontano e Ribery rispondere al centrale ex Genoa, ma le loro conclusioni non spaventano Julio Cesar. Dopo una decina di minuti di grande lotta in mezzo al campo è Eto’o ad accendere la luce in due occasioni: nella prima Tymoshchuk lo abbatte in area con un’ancata giudicata regolare, nella seconda l’attaccante serve Cambiasso che spara su Kraft. Il Bayern risponde con Ribery, che di testa colpisce la parte alta della traversa. La gara è molto viva e dura, con i bavaresi che si fanno preferire nell’azione manovrata, mentre l’Inter cerca le ripartenze affidandosi alla velocità di Eto’o e Maicon. Proprio i due sopracitati regalano le ultime due emozioni della prima frazione. Al 32° il camerunense si libera bene in area al tiro, ma Kraft risponde alla grande deviando a mano aperta il diagonale da distanza ravvicinata. Nel finale invece è Maicon a spaventare i bavaresi con un tiro a lato da posizione angolata. Primo tempo con maggior possesso palla dei tedeschi, che però peccano di precisione al tiro. Dell’Inter le migliori occasioni da rete, ma il centrocampo appare troppo in balia degli avversari.

GRANDE EQUILIBRIO – Anche nel secondo tempo gli ospiti partono meglio, con la difesa interista in grave affanno. Al 53° è Robben ad andare vicino al vantaggio con una bella azione, iniziata da Ribery, che si conclude sul palo alla destra di Julio Cesar. La risposta dell’Inter arriva 5 minuti dopo con una bella azione di Eto’o che conclude a rete trovando l’ennesima deviazione di Kraft, sul pallone vagante in area si avventa Cambiasso che sbaglia clamorosamente un gol quasi fatto. La gara resta su ottimi livelli di intensità, anche se le occasioni da rete latitano. Al 70° però l’Inter perde Ranocchia per infortunio al ginocchio. Al suo posto entra Kharja, altro acquisto invernale, che dieci minuti dopo va vicino alla rete con un bel diagonale dalla destra, smanacciato da Kraft.

DOMINIO INTER, MA DECIDE GOMEZ – Negli ultimi 15 minuti l’Inter si spinge in avanti con maggiore frequenza, collezionando occasioni da gol e angoli con Eto’o, Sneijder e Maicon, ma senza trovare mai il guizzo giusto per battere un Kraft molto attento. Proprio quando i nerazzurri sembrano poter scardinare la difesa bavarese arriva la doccia fredda, che complica tutto in vista del ritorno. Un contropiede dei tedeschi porta Robben al tiro dalla distanza, fucilata dell’olandese che Julio Cesar non riesce né a trattenere, né a deviare in corner, con Gomez velocissimo a scattare verso il pallone vagante e mettere in rete al 90°.

TRIPLICE FISCHIO – Anche l’Inter come le altre due italiane impegnate in Champions cade nell’andata degli ottavi in casa. La squadra di Leonardo subisce troppo il gioco degli avversari, soprattutto a centrocampo e si affida troppo alle iniziative personali di Eto’o in avanti. Anche se le occasioni da gol più nitide della gara sono di marca nerazzurra, la squadra di Leonardo non da mai l’impressione di dominare la gara, se si escludono gli ultimi 15 minuti della gara. Bayern migliore dalla metà campo in avanti, ma disastroso in difesa, dove Kraft sembra essere finalmente l’erede di Khan, salvando in più occasioni la propria squadra. Davanti il trio Robben-Muller-Ribery regala sempre giocate ed emozioni. Al ritorno, fra tre settimane, la vendetta del Bayern potrebbe trovare il definitivo coronamento.



0-0 tra Manchester e Marsiglia!United costretto a vincere all'Old Trafford!



Partita molto brutta quella andata in scena allo stadio Velodrome di Marsiglia tra l’Olympique di Didier Deschamps e il Manchester United di Sir Alex Ferguson.
Uno 0-0 che rispecchia in maniera fedele l’andamento della partita che ha visto due sole occasioni da rete, una per parte, nell’arco di tutti i 90 minuti.
Squadre contratte che, a dispetto delle proprie caratteristiche, hanno pensato più a non far giocare l’avversario che a cercare la vittoria. Neanche ai punti, in un ipotetico paragone pugilistico, ci sarebbe stata una vittoria netta per l’una o l’altra squadra.
Il Marsiglia però, ben messo in campo da Deschamps, ha però avuto il merito di provarci con maggior convinzione con il suo 4-2-3-1 dinamico che ha in Ayew e Remy due ottimi interpreti del ruolo che abbinano corsa e qualità nel dribbling.
L’errore più evidente è stato quello di mettere Rooney troppo largo sulla fascia, il che ha isolato Berbatov. Nani evanescente, ha pensato troppo spesso alla giocata personale rispetto all’utilità della stessa per la manovra della squadra.
Il risultato favorisce l’OM e costringe lo United, troppo rinunciatario e messo male in campo da Ferguson, a vincere a Old Trafford per evitare una scottante eliminazione.

Tornare in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente http://tifosicagliaricalcio.forumattivo.it
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: Champions League   

Tornare in alto Andare in basso
 
Champions League
Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» SORTEGGI OTTAVI DI FINALE CHAMPIONS LEAGUE
» sorteggi ottavi di finale CHAMPIONS LEAGUE
» 19/04/2016 - FC Bari's New Owner Dr Noordin To Inject New Blood To Boost Team's Champions League Hopes ( Traduzione sotto articolo )
» Infortunio choc nella Rugby League
» Il nuovo Clerici?

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
 :: Champions League-
Andare verso: