Questo è uno dei tanti forum sul Cagliari Calcio! Chiunque tifa o simpatizza per il Cagliari si potrà iscrivere! Il forum è aggiornato 24 ore su 24! Il Cagliari Calcio,fondato nel 1920,è la maggior squadra calcistica della Sardegna!
 
IndiceIndice  CalendarioCalendario  FAQFAQ  CercaCerca  Lista UtentiLista Utenti  GruppiGruppi  RegistratiRegistrati  AccediAccedi  

Condividi | 
 

 Serie A 2010/11

Andare in basso 
AutoreMessaggio
Admin
Admin
avatar

Messaggi : 142
Data d'iscrizione : 11.02.11

MessaggioTitolo: Serie A 2010/11   Ven Feb 11, 2011 11:40 pm

Serie A 2010/11

Questo è il Topic dove verranno commentate le partite di Serie A e qualsiasi altra notizia inerente all'argomento!

Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente http://tifosicagliaricalcio.forumattivo.it
Admin
Admin
avatar

Messaggi : 142
Data d'iscrizione : 11.02.11

MessaggioTitolo: Re: Serie A 2010/11   Sab Feb 12, 2011 6:01 pm

25^ Giornata, le probabili informazioni



Come dicono gli esperti siamo sul momento in cui nel Campionato i valori vengono fuori. In effetti, in queste ultime settimane è rientrata forte, per la lotta al titolo, anche l'Inter mentre il Milan, la Juventus e la Lazio danno i primi segni di cedimento. Il Napoli continua a stupire sotto il profilo atletico, oltre che per la buona vena di Cavani e la Roma pensa troppo al futuro distraendosi un pochino dalle storie di campo. Domani però arrivano le verità nascoste, perché in questo turno gli scontri sono da primato e non possono mentire più di tanto. Si parte subito alla grande sabato, con la sfida delle 18,00 che sarà Milan-Parma. Il calcio, innquesto caso, si confronta sotto il profilo del bel gioco, perché sia Allegri che Marino, fanno dello spettacolo e della fase offensiva, il loro cavallo di battaglia. Alle 20,45 invece torna in scena il derby del sud e Roma-Napoli è piena di aspettative e ricca di sfide del passato. Anche le panchine in parte si incrociano, Mazzarri poteva essere l'allenatore dei Partenopei, mentre Ranieri è un ex a tutti gli effetti, visto che è stato nel 1991-1993, allenatore del Napoli. Quindi si prevede grande spettacolo e attacchi carichi a pallettoni. Domenica però non sarà da meno, perché alle 12,30 si può seguire, Palermo-Fiorentina, per poi calarci nel turno pomeridiano delle 15,00 con: Brescia-Lazio, Bari-Genoa, Cagliari-Chievo, Catania-Lecce, Cesena-Udinese, Sampdoria-Bologna e a chiudere il posticipo delle 20,45 vedrà molto agguerrite, Juventus-Inter. Proprio il posticipo sarà il match clou della giornata, senza però tralasciare anche Palermo-Fiorentina, che anche in questo caso è sinonimo di calcio champagne. Quindi in piena ebbrezza da pallone, speriamo di non sbandare troppo e di divertirci di gusto.

Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente http://tifosicagliaricalcio.forumattivo.it
Admin
Admin
avatar

Messaggi : 142
Data d'iscrizione : 11.02.11

MessaggioTitolo: Re: Serie A 2010/11   Sab Feb 12, 2011 6:07 pm

Serie A, le probabili formazioni



Stasera

ore 18.00 MILAN-PARMA

Milan (4-3-1-2): Abbiati; Oddo, Thiago Silva, Yepes, Bonera; Gattuso, Pirlo, Flamini; Robinho; Pato, Ibrahimovic.
A disposizione: Roma, Abate, Sokratis, Van Bommel, Emanuelson, Seedorf, Cassano. All.: Allegri
Squalificati: nessuno
Indisponibili: Antonini, Boateng, Zambrotta, Inzaghi, Amelia, Strasser, Ambrosini, Legrottaglie

Parma (4-3-3): Mirante; Zaccardo, Paci, A. Lucarelli, Gobbi; Candreva, Dzemaili, Valiani; Angelo, Amauri, Giovinco.
A disposizione: Pavarini, Paletta, Galloppa, Modesto, Palladino, Bojinov, Crespo. All.: Marino
Squalificati: Morrone (1)
Indisponibili: Pisano, Calvo, Marques

ORE 20.45 ROMA-NAPOLI

Roma (4-3-1-2): Julio Sergio; Cassetti, Juan, Loria, Riise; Taddei, De Rossi, Simplicio; Perrotta; Totti, Borriello.
A disposizione: Doni, G. Burdisso, Rosi, Pizarro, Brighi, Menez, Vucinic. All.: Ranieri
Squalificati: Mexes (1), N. Burdisso (1)
Indisponibili: Adriano

Napoli (3-4-2-1): De Sanctis; Campagnaro, Cannavaro, Aronica; Maggio, Pazienza, Gargano, Dossena; Hamsik, Lavezzi; Cavani.
A disposizione: Iezzo, Santacroce, Zuniga, Yebda, Sosa, Mascara, Lucarelli. All.: Mazzarri
Squalificati: nessuno
Indisponibili: Grava, Vitale
Domenica 13 febbraio

ore 12.30 PALERMO-FIORENTINA

Palermo (4-3-1-2): Sirigu; Cassani, Muñoz, Bovo, Balzaretti; Migliaccio, Kurtic, Nocerino; Ilicic, Pastore; Miccoli.
A disposizione: Benussi, Garcia, Andelkovic, Kasami, Acquah, Hernandez, Paolucci. All.: Rossi
Squalificati: Carrozzieri, Bacinovic (1)
Indisponibili: Pinilla, Goian, Darmian

Fiorentina (4-3-3): Boruc; De Silvestri, Gamberini, Camporese, Pasqual; Montolivo, Donadel, Behrami; Santana, Gilardino, Mutu.
A disposizione: Neto, Natali, Comotto, D'Agostino, Marchionni, Cerci, Babacar. All.: Mihajlovic
Squalificati: nessuno
Indisponibili: Vargas, Jovetic, Frey, Kroldrup

ore 15.00 BARI-GENOA

Bari (4-3-3): Gillet; A. Masiello, Glik, Rossi, Parisi; Donati, Almiron, Gazzi; Rudolf, Castillo, Huseklepp.
A disposizione: Padelli, Raggi, Codrea, Kutuzov, Alvarez, Bentivoglio, Kopunek. All.: Ventura
Squalifica: nessuno
Indisponibili: Belmonte, S. Masielo, Barreto, Okaka

Genoa (4-4-2): Eduardo; Mesto, Kaladze, Dainelli, Criscito; Konko, Kucka, Milanetto, Rossi; Floro Flores, Palacio.
A disposizione: Scarpi, Chico, Moretti, Rafinha, Veloso, Jankovic, Paloschi. All.: Ballardini
Squalificati: nessuno
Indisponibili: Antonelli, Boselli, Destro

ore 15.00 BRESCIA-LAZIO

Brescia (3-5-1-1): Arcari; Zebina, Bega, Zoboli; Berardi, Hetemaj, Cordova, Filippini, Accardi; Diamanti; Eder.
A disposizione: Leali, Daprelà, Mareco, Vass, Kone, Lanzafame, Caracciolo. All.: Iachini
Squalificati: nessuno
Indisponibili: Dallamano, Sereni, C. Zanetti

Lazio (4-3-1-2): Muslera; Lichtsteiner, Biava, Dias, Scaloni; Brocchi, Matuzalem, Mauri; Hernanes; Kozak, Zarate.
A disposizione: Berni, Stendardo, Foggia, Ledesma, Gonzalez, Bresciano, Sculli. All.: Reja
Squalificati: nessuno
Indisponibili: Del Nero, Meghni, Garrido, Rocchi, Diakité, Floccari, Radu

ore 15.00 CATANIA-LECCE

Catania (4-3-2-1): Andujar; Potenza, Silvestre, Spolli, Marchese; Schelotto, Ledesma, Lodi; Gomez, Ricchiuti; M. Lopez.
A disposizione: Kosicky, Augustyn, Sciacca, Llama, Martinho, Pesce, Morimoto. All.: Simeone
Squalificati: Alvarez (1)
Indisponibili: Biagianti, Izco, Capuano, Carboni, Bellusci

Lecce (4-3-2-1): Rosati; Tomovic, Gustavo, Ferrario, Brivio; Munari, Vives, Giacomazzi; Olivera, Di Michele; Jeda.
A disposizione: Benassi, Rispoli, Piatti, Grossmuller, Mesbah, Corvia, Chevanton. All.: De Canio
Squalificati: Fabiano (1)
Indisponibili: Giuliatto, Ofere

ore 15.00 CESENA-UDINESE

Cesena (4-3-2-1): Antonioli; Santon, Felipe, Von Bergen, Lauro; Sammarco, Colucci, Parolo; Rosina, Giaccherini; Bogdani.
A disposizione: Calderoni, Pellegrino, Ceccarelli, Caserta, Appiah, Budan, Malonga. All.: Ficcadenti
Squalificati: Jimenez (1)
Indisponibili: nessuno

Udinese (3-5-2): Belardi; Benatia, Zapata, Domizzi; Isla, Pinzi, Inler, Asamoah, Armero; Sanchez, Di Natale.
A disposizione: Koprivec, Coda, Pasquale, Cuadrado, Abdi, Corradi, Denis. All.: Guidolin
Squalificati: nessuno
Indisponibili: Basta, Ferronetti, Angella, Handanovic

ore 15.00 SAMPDORIA-BOLOGNA

Sampdoria (4-4-2): Curci; Zauri, Martinez, Lucchini, Ziegler; Mannini, Palombo, Tissone, Guberti; Biabiany, Maccarone.
A disposizione: Da Costa, Perticone, Poli, Dessena, Koman, Zaza, Macheda. All.: Di Carlo
Squalificati: Volta (1)
Indisponibili: Semioli, Gastaldello, Pozzi

Bologna (4-3-1-2): Viviano; Esposito, Portanova, Moras, Rubin; Perez, Mudingayi, Casarini; Gimenez; Meggiorini, Di Vaio.
A disposizione: Lupatelli, Morleo, Siligardi, Buscè, Mutarelli, Ramirez, Paponi. All.: Malesani
Squalificati: Britos (1), Della Rocca (1)
Indisponibili: Ekdal, Garics

ore 20.45 JUVENTUS-INTER

Juventus (4-4-2): Buffon; Sorensen, Bonucci, Barzagli, Chiellini; Krasic, Aquilani, F. Melo, Marchisio; Matri, Del Piero.
A disposizione: Storari, Grygera, Grosso, Martinez, Sissoko, Iaquinta, Toni. All.: Delneri
Squalificati: nessuno
Indisponibili: Rinaudo, De Ceglie, Quagliarella, Traore

Inter (4-3-1-2): Julio Cesar; Maicon, Ranocchia, Cordoba, Nagatomo; Zanetti, Cambiasso, T. Motta; Snejider; Pazzini, Eto'o.
A disposizione: Castellazzi, Materazzi, Natalino, Obi, Kharja, Pandev, Coutinho. All.: Leonardo
Squalificati: Chivu (3)
Indisponibili: Lucio, Samuel, Stankovic, Mariga, Milito
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente http://tifosicagliaricalcio.forumattivo.it
Admin
Admin
avatar

Messaggi : 142
Data d'iscrizione : 11.02.11

MessaggioTitolo: Re: Serie A 2010/11   Dom Feb 13, 2011 4:40 pm

Milan-Parma 4-0



Il Milan è tornato. Nell'anticipo delle 18 contro il Parma, a San Siro, Allegri rilancia Cassano dal primo minuto al fianco di Ibrahimovic con Seedorf sulla trequarti, risponde con Giovinco, Amauri e Crespo il tecnico gialloblù Marino. L'inizio è però subito traumatico per i ducali: bastano 7 minuti al Milan per sbloccare, è vincente il destro di Seedorf dopo aver saltato Mirante su assist di Ibrahimovic. L'1-0 non calma i rossoneri: il Parma prova a reagire al 12' con Giovinco, ma Abbiati si oppone, ma al 17' il Milan mette già in cassaforte la gara. Triangolo tra Gattuso e Cassano, palla d'interno del centrocampista che trova il Pibe de Bari davanti alla porta, FantAntonio non sbaglia quello che è il suo primo gol in rossonero ed è raddoppio. Candreva prova a risvegliare i suoi compagni con un paio di tentativi da fuori, poi un destro al volo ancora di Cassano per poco non significa 3-0.

La ripresa è con lo stesso copione. Allegri al 58' inserisce Robinho per Seedorf, il brasiliano tre minuti dopo porta subito il Milan sul 3-0 dopo l'ennesima, super palla di Antonio Cassano. E' spettacolo dei padroni di casa. Il Parma è sotterrato, e al 65' è ancora Robinho a calare il poker per i rossoneri: ennesimo assist di Cassano, Binho col destro non perdona Mirante. E' 4-0, i ducali con Amauri e Candreva cercano di impensierire sempre un attentissimo Abbiati, ma la partita ha ormai già espresso il suo verdetto. Con un problema fisico per Antonini si chiude la gara, che sancisce una prova di forza da parte del Milan dopo le recenti difficoltà con chiaro messaggio alle inseguitrici, crolla invece sempre più giù il Parma di Marino, ormai tutt'altro che saldo sulla panchina gialloblù. Quale sarà il suo destino lo sapremo nelle prossime ore, intanto il Milan ride con Cassano finalmente esploso e il solito, superbo Robinho...

Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente http://tifosicagliaricalcio.forumattivo.it
Admin
Admin
avatar

Messaggi : 142
Data d'iscrizione : 11.02.11

MessaggioTitolo: Re: Serie A 2010/11   Dom Feb 13, 2011 4:50 pm

Roma-Napoli 0-2



IL TABELLINO

Roma: J.Sergio, Rosi, Cassetti, Juan, Riise, Simplicio (77' Greco), De Rossi, Perrotta, Taddei (46' Meenz) , Vucinic (77' Totti), Borriello. A disp: Doni, Castellini, Loria, Brighi. All.: Ranieri

Napoli: De Sanctis, Campagnaro, Cannavaro, Aronica, Maggio, Pazienza, Gargano, Dossena (59' Zuniga), Hamsik (74' Yebda), Lavezzi, Cavani (85' Mascara). A disp: Iezzo, Santacroce, Sosa, Lucarelli. All. Mazzarri

Marcatori: 48' Cavani rig. (N) 83' Cavani (N)

Note: spettatori 13.737 paganti. Ammoniti Rosi, Juan, De Rossi, Perrotta, Cassetti (R), Lavezzi, Aronica, Dossena, Campagnaro (N). Recupero 2' (PT), 4' (ST)

Arbitro: Bergonzi di Genova. Assistenti: Faverani e Stefani. Quarto uomo: Morganti

Ranieri lascia Totti e Menez in panchina, lanciando Vucinic e Borriello dal primo minuto. De Rossi e Simplicio a centrocampo, Taddei e Perrotta sugli esterni. In retroguardia, tutto come preannunciato: Cassetti centrale con Juan, Riise e Rosi terzini. Nel Napoli, solito tridente: Hamsik e Lavezzi alle spalle del matador Cavani. Centrocampo sorretto da Gargano e Pazienza, Dossena e Maggio chiamati ad affondare sulle fasce, il terzetto Campagnaro-Cannavaro-Aronica in difesa.

Non un gran primo tempo, all'Olimpico. Molto movimento ma poche occasioni; tanto fumo, dunque, ma poco arrosto. Con un buon quantitativo di nervosismo che spezzetta il gioco a causa dei numerosi falli fischiati da un Bergonzi costretto spesso a intervenire, non ricorrendo però ai cartellini nonostante in più d'una occasione sarebbero serviti. Perché Dossena rischia grosso entrando di gomito su Taddei, così come Rosi quasi non ci crede quando, già ammonito, tocca il pallone col braccio, interrompendo un affondo di Cavani. Entrambi graziati, con conseguente tasso di nervosismo generale che si incrementa. Falli tanti, quindi, ma occasioni ben poche. La più clamorosa capita a Vucinic, che a tu per tu con De Sanctis gli spara il pallone addosso. La risposta partenopea è un tiro in diagonale di Lavezzi, su cui Cavani non ci arriva di un soffio. Poi, poco altro, in un primo tempo che termina senza reti.

Ranieri si affida al piglio di Menez nella ripresa, togliendo un Taddei dinamico ma poco incisivo. Qualsiasi tipo di strategia presente nella testa del tecnico giallorosso, però, viene gettata alle ortiche dall'uno a zero partenopeo, che giunge su un rigore conquistato da un inserimento di Hamsik. Cavani dal dischetto, Julio Sergio intuisce ma non ci arriva, palo, Cavani ribadisce in rete, a palla comunque già entrata.

Il gol subìto scuote la Roma, che inizia a produrre gioco anche se in maniera eccessivamente confusionaria per pungere veramente. Con il Napoli che si chiude e riparte, mettendo prima i brividi ai giallorossi con Lavezzi, che si divora il raddoppio nell'uno contro uno, poi infliggendo il due a zero a una Roma eccessivamente distratta in difesa: cross di Cannavaro dalla destra, Cavani prende il tempo sia a Rosi che a Cassetti, è raddoppio azzurro. Ventesimo gol in stagione in venticinque partite per il "matador", che rafforza il suo primato nella classifica cannonieri.

Il finale è giusto una formalità. Totti, subentrato in precedenza per Vucinic, non sposta di molto il baricentro nei capitolini; Menez, nonostante qualche buona percussione e una bella conclusione sventata da De Sanctis, non punge. Con il triplice fischio che giunge inesorabile, dopo quattro minuti di recupero, e che sancisce la vittoria di un Napoli che prende consapevolezza della sua forza e che, restando a meno tre dalla vetta, continua a sognare e a far sognare.

Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente http://tifosicagliaricalcio.forumattivo.it
Admin
Admin
avatar

Messaggi : 142
Data d'iscrizione : 11.02.11

MessaggioTitolo: Re: Serie A 2010/11   Dom Feb 13, 2011 5:03 pm

Palermo-Fiorentina 2-4



Sei gol alla Favorita: nel primo tempo botta e risposta Pastore-Gilardino, nella ripresa Nocerino illude i rosanero, poi il ribaltone ospite con Camporese (primo gol in A), l'autorete di Bovo e la stoccata di Montolivo su assist di Ljajic. Palo Montolivo sul 2-2, traversa di Hernandez sul 2-4. Prima vittoria in trasferta per Mihajlovic.

Giostra del gol alla Favorita, alla fine i tre punti vanno alla Fiorentina. Nel primo tempo botta e risposta Pastore-Gilardino (assist di Ilicic e Behrami), nella ripresa Nocerino illude i rosanero (servito da Miccoli), poi il ribaltone ospite con il gol di testa su angolo di Camporese (primo gol in A), l'autorete di Bovo e la stoccata di Montolivo su assist di Ljajic. Palo Montolivo sul 2-2, traversa di Hernandez sul 2-4. Prima vittoria in trasferta per Mihajlovic, quarta sconfitta su quattro anticipi a mezzogiorno per i rosanero che falliscono l'aggancio al quarto posto.

Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente http://tifosicagliaricalcio.forumattivo.it
Admin
Admin
avatar

Messaggi : 142
Data d'iscrizione : 11.02.11

MessaggioTitolo: Re: Serie A 2010/11   Mar Feb 15, 2011 4:29 pm

Serie A, Il Punto della 25a giornata



La venticinquesima giornata di campionato conferma che il Milan è tornato “Diavolo”, proponendo gol e gioco. Nell’anticipo serale il Napoli annichilisce la Roma all’Olimpico e sogna in grande. Nella domenica di Juventus-Inter rinasce la Fiorentina che, a Palermo, si impone sulla squadra di Delio Rossi priva di molti titolari. Continua il momento positivo dell’Udinese che batte in trasferta il Cesena. Arriva la prima vittoria del Catania targato Simeone, che la spunta sul Lecce in una gara caratterizzata dalle polemiche arbitrali. Torna alla vittoria la Sampdoria, mentre il Chievo cade a Cagliari. La Lazio vince in trasferta in quel di Brescia, mentre il Bari non va al di là del pari casalingo contro il Genoa. Nel posticipo la Juventus batte l’Inter e riprende la marcia.
Diavolo di un Ciuco. Apre le danze di questa venticinquesima giornata il Milan che affonda il Parma, sotto i colpi di fioretto dei suoi giocatori migliori. Un Milan determinato, volenteroso, a tratti esuberante. I rossoneri di Allegri hanno dettato legge al di là del risultato, proponendo trame di gioco veloci e ben congegnate. Per quanto riguarda il Parma, il tecnico Marino dovrebbe preoccuparsi non poco vista la pochezza della squadra vista a San Siro. Privo di idee, corsa e volontà di vendere cara la pelle. Il Milan c’è: Inter e Napoli sono avvisate. In serata Roma e Napoli hanno dato vita a una gara prima tattica, poi nervosa e infine intensa. L’hanno spuntata i partenopei di Mazzarri che hanno interpretato la gara nel migliore dei modi, badando alla sostanza. A fronte di tre occasioni da rete, il Napoli ne ha sfruttate due che hanno messo a tacere le velleità dei giallorossi. Non sono mancate le inevitabili contestazioni arbitrali. Su tutti lo sputo reciproco tra Lavezzi e Rosi. Poca cosa però la Roma. Lenta, impacciata e priva di idee. Insomma, la solita Rometta vista già nelle ultime partite di campionato. Il Napoli può sognare, deve farlo.
L’antipasto è toscano. La Fiorentina torna alla vittoria in trasferta e lo fa a suon di gol. Ne rifila quattro nel canestro di un Palermo decimato dalle assenze. Gli uomini di Delio Rossi hanno dovuto patire anche altri due infortuni durante la gara e questo non ha certo giovato alla truppa rosanero. Per la Fiorentina una bella boccata di ossigeno non tanto sotto l’aspetto della classifica, quanto per il morale di una squadra che pare essere sempre sotto esame.
Pomeriggio quasi tranquillo. La Lazio trova tre punti importanti sul campo di un Brescia in netta ripresa dopo il ritorno di Iachini. Questa volta la Lazio è tornata a giocare e soprattutto a correre: i risultati si sono visti. Soddisfatto della prestazione Edy Reja, che vede ormai lontano il periodo poco incisivo della sua squadra. L’Udinese sbanca anche Cesena e si attesta nelle zone alte della classifica, sebbene il suo tecnico continui a vedere il quarto posto come una posizione difficile da raggiungere. Eppure Di Natale e compagni sono la formazione, forse, più in forma del campionato e il gioco dei friulani è il più bello da vedere. Per il Cesena una battuta d’arresto che complica le cose ai bianconeri, invischiati nei bassifondi della classifica. La Sampdoria torna a vincere e ritrova il sorriso. Lo fa contro un Bologna meno spigliato del solito, incapace di pungere con i suoi attaccanti. Per la squadra di Mimmo Di Carlo un raggio di luce dopo le ultime prestazioni che avevano messo anche in dubbio la sua posizione. Ipotesi mai però avvalorata dal presidente Garrone, che ha sempre dichiarato piena fiducia. Il Cagliari batte il Chievo con un risultato forse troppo pesante per gli scaligeri, che al S. Elia non hanno mostrato la solita verve. Gli uomini di Donadoni hanno fatto uso, oltre che della solita caparbietà, anche di una concretezza che ha consentito agli isolani di vincere la gara. Archiviata nel migliore dei modi la sconfitta contro la Juventus. Per il Chievo una battuta d’arresto che, dopo sei risultati utili consecutivi, ci può anche stare. Catania e Lecce hanno dato vita a una gara dai due volti. La squadra di Simeone, in un primo momento padrona del campo, è stata poi raggiunta e superata dalla grinta dei giallorossi di De Canio. Infine il ritorno degli etnei che, con due calci piazzati di Lodi, si aggiudicano la gara. Una partita caratterizzata dalle polemiche arbitrali che hanno coinvolto anche De Canio, solitamente ben disposto verso questo tipo di situazioni ma che in questo caso non riesce proprio a fare a meno di dire la sua. Prima vittoria di Simeone sulla panchina siciliana, ma la salvezza appare ancora lontana. Il Bari proprio non riesce a vincere. Contro il Genoa la squadra del neo tecnico Bortolo Mutti avrebbe meritato, forse, qualcosa in più di un punto. Fatto sta che, vuoi per l’imprecisione dei propri giocatori vuoi per il fischio galeotto del signor Peruzzo di Schio che annulla un gol a Okaka ai più apparso regolare, questo Bari sembra ormai essere condannato a una retrocessione dolorosa. Per il Genoa di Ballardini un punto che non risolve i problemi di un complesso che ancora non riesce a convincere, oltre che a vincere.
Posticipo bianconero. Juventus ed Inter confermano, qualora ce ne fosse ancora bisogno, che siamo davanti a un campionato veramente mediocre. Brutta partita tra le due pretendenti alla rincorsa al Milan, che solo a sprazzi riesce a dare qualche emozione. Alla fine vince la Juventus, grazie al gol messo a segno da Matri. L’Inter conferma i problemi che la affliggono da inizio stagione, parzialmente celati per qualche giornata dal cambio di panchina. Puntualmente però si sono riprsentati, mettendo in evidenza la pochezza del gioco apparso lento, privo di idee, fatto soprattutto di individualità. A nulla è valso il “favore” fatto da Delneri che lascia in campo l’infortunato Matri, lasciando praticamente la sua squadra in dieci. Da segnalare la buona direzione di gara di Valeri, alla prima uscita importante in Serie A.
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente http://tifosicagliaricalcio.forumattivo.it
Admin
Admin
avatar

Messaggi : 142
Data d'iscrizione : 11.02.11

MessaggioTitolo: Re: Serie A 2010/11   Ven Feb 18, 2011 5:47 pm

La Serie A dopo i recuperi di Fiorentina-Inter e del derby di Genoa-Samp



Si sono giocati ieri i due recuperi riguardanti la 17esima giornata di Serie A, Fiorentina – Inter (rinviata per l’impegno dei nerazzurri nel Mondiale per Club) e Sampdoria – Genoa (rinviata per neve).
I nerazzurri, che hanno espugnato Firenze per 2-1, si mettono al pari delle altre squadre come numero di gare giocate (25) e si proiettano al terzo posto in classifica dopo aver trascorso diversi mesi fuori dalla zona Champions sia per le gare in meno sia per gli scarsi risultati della squadra ottenuti con Benitez in panchina. I campioni d’Italia in carica con i 3 punti dell’Artemio Franchi salgono a quota 47 punti scavalcando in classifica la Lazio e a soli 2 distanze dal Napoli e a 5 dal Milan capolista.

Il Genoa si aggiudica il derby della Lanterna contro la Sampdoria, il primo senza la coppia Cassano – Pazzini, grazie alla rete di Rafinha e sale a 32 punti in classifica superando proprio i blucerchiati. Per Ballardini si tratta della prima vittoria all’esordio nella stracittadina così come per Di Carlo si tratta della prima sconfitta. Al Grifone dunque il primo round, dopo che i presidenti hanno stravolto la rosa al termine dell’ultima sessione di mercato, la gara di ritorno è prevista l’8 maggio nella terz’ultima giornata di campionato.

Ora manca all’appello solo il recupero di Bologna – Roma, gara della 22esima giornata e sospesa al 16′ sullo 0-0 per neve che verrà ripresa mercoledì 23 febbario.

Risultati e marcatori recuperi 17 Giornata Serie A

Fiorentina – Inter 1-2: 6′ aut Camporese (F), 32′ Pasqual (F), 62′ Pazzini (F)
Sampdoria – Genoa 0-1: 55′ Rafinha


Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente http://tifosicagliaricalcio.forumattivo.it
Admin
Admin
avatar

Messaggi : 142
Data d'iscrizione : 11.02.11

MessaggioTitolo: Re: Serie A 2010/11   Sab Feb 19, 2011 6:23 pm

La 26' Giornata si apre con Bologna-Palermo alle 18.00!



Stasera

Ore 18.00
Bologna - Palermo

Ore 20.45
Inter - Cagliari

Domani

Ore 12.30
Lecce - Juventus

Ore 15.00
Chievo - Milan
Fiorentina - Sampdoria
Genoa - Roma
Lazio - Bari
Parma - Cesena
Udinese - Brescia

Ore 20.45
Napoli - Catania
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente http://tifosicagliaricalcio.forumattivo.it
Admin
Admin
avatar

Messaggi : 142
Data d'iscrizione : 11.02.11

MessaggioTitolo: Re: Serie A 2010/11   Sab Feb 19, 2011 11:55 pm

Paponi fa impazzire il Bologna. Palermo sconfitto al Dall'Ara!



Un gol di Paponi allo scadere fa impazzire il Bologna e manda in crisi il Palermo. Finisce 1-0 il primo anticipo della 26/a giornata di campionato, con i rosanero che cadono al Dall''Ara solamente nel finale, nonostante l''inferiorita'' numerica per il rosso a Garcia, arrivato a piu'' di mezzora dal triplice fischio.
Partita piacevole, con il Palermo che era partito forte (Pastore pericoloso con due tiri da fuori), prima di soffrire il ritorno del Bologna. L''errore di Perez sottomisura permetteva pero'' agli uomini di Rossi di arrivare indenni all''intervallo. Stesso copione nella ripresa, ma a complicare la vita al tecnico romagnolo ci si metteva Garcia: secondo giallo per un inutile fallo a meta'' campo su Meggiorini e il sostituto di Balzaretti andava a farsi la doccia con piu'' di mezzora d''anticipo.
Monologo Bologna, con il muro ospite a reggere fino al 90'', complici gli errori sottoporta di Ramirez e Di Vaio. Al 90'' pero'' la capocciata vincente di Paponi, entrato proprio per Ramirez, faceva impazzire il Dall''Ara ed avvicinava sensibilmente i rossoblu alla quota salvezza. Per il Palermo se non e'' crisi poco ci manca. E Rossi torna in bilico.
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente http://tifosicagliaricalcio.forumattivo.it
Admin
Admin
avatar

Messaggi : 142
Data d'iscrizione : 11.02.11

MessaggioTitolo: Re: Serie A 2010/11   Dom Feb 20, 2011 9:51 pm

Le altre partite della 26' Giornata!

Tanti gol ed emozioni nel pomeriggio della Serie A, ad iniziare dalle vittorie di Milan e Lazio e dalla follia della Roma a Genova,
che in vantaggio per 3-0 si fa recuperare ed infine perde per 4-3 a favore dei rossoblu,alla sconfitta per 2-0 della Juve a Lecce.



Lecce-Juventus 2-0: La Juventus inizia male da subito ed i salentini ne approfittano; i bianconeri sono sotto pressione ed un’amnesia difensiva costa, al 12′, il rosso a Buffon che in uscita colpisce la palla con la mano fuori area. Delneri, sciaguratamente, decide di togliere Krasic per inserire Storari ed il Lecce ne approfitta.Al 32′ vantaggio di Mesbah, che nei minuti successivi sfiora ripetutamente il raddoppio; 2 a 0 che comunque arriva ad inizio della ripresa, al 48′, siglato da Bertolacci. Ma le occasioni per i giallorossi non finiscono qui: Grossmuller e Chevanton mancano più volte il tris.

Lazio-Bari 1-0:Una rete del brasiliano Hernanes al 6′ regala tre punti fondamentali ai biancocelesti che si mantengono in quarta posizione consolidando il primato visto i risultati negativi di Udinese, Juventus, Roma e Palermo.

Parma-Cesena 2-2: Bella partita al Tardini, in vantaggio ci va il Cesena per ben due volte con Rosina al 31′ e Sammarco al 79′; nel mezzo il pareggio di Crespo al 64′ su rigore e la rete finale di Palladino all’89′.

Chievo-Milan 1-2:Il momentaneo vantaggio di Robinho al 28′, viene annullato da Fernandes al 61′; ma l’ingresso di Pato provoca la rete finale per i rossoneri, il brasiliano segna all’82′ e regala tre punti fondamentali al Milan.

Genoa-Roma 4-3: La partita più spettacolare della giornata; i giallorossi vanno in vantaggio per tre reti a zero grazie alle marcature di Mexes al 6′, Burdisso al 16′ e Totti al 51′. E’ a questo punto che si risveglia il grifone che va a segno con la doppietta di Palacio al 52′ e 74′ e quella di Paloschi al 68′ ed 86′.

Finiscono a reti inviolate Udinese-Brescia e Fiorentina-Sampdoria.
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente http://tifosicagliaricalcio.forumattivo.it
Admin
Admin
avatar

Messaggi : 142
Data d'iscrizione : 11.02.11

MessaggioTitolo: Re: Serie A 2010/11   Mer Feb 23, 2011 11:37 pm

Bologna-Roma 0-1, i giallorossi non perdono il volo!



Vola subito la Roma di Montella. A Bologna in un clima perfettamente Invernale, i giallorossi, grazie a un goal di De Rossi si impongono sulla squadra di Malesani e rompono la fase negativa. Una squadra ancora timorosa, quella Romana, ma che almeno prende i tre punti. Cambiamenti da subito rispetto alla formazione di Ranieri con Doni in campo e il 4-2-3-1 Spallettiano con Borriello per Totti. Se il buon giorno si vede dal mattino, buon decollo a tutti i Romanisti.

IL TABELLINO

Bologna (4-3-1-2): 1 Viviano; 32 Casarini, 16 Esposito, 21 Cherubin, 19 Rubin (42′ Morleo); 5 Mutarelli (24′ st Siligardi), 26 Mudingayi, 7 Della Rocca;10 Ramirez; 69 Meggiorini (24′ Paponi), 9 Di Vaio.
A disp.: 22 Lupatelli,6 Britos, 3 Morleo, 24 Buscè , 4 Khrin, 77 Siligardi, 35 Paponi.
All.: Malesani.

Roma: (4-2-3-1): 32 Doni; 77 Cassetti, 5 Mexes, 29 N. Burdisso, 17 Riise; 16 De Rossi, 7 Pizarro; 11 Taddei, 30 Simplicio (32′ st Brighi), 9 Vucinic (36′ st Menez); 22 Borriello (27′ st Totti)
A disp.: 27 Julio Sergio, 87 Rosi, 4 Juan, 23 Greco, 33 Brighi, 10 Totti, 94 Menez
All.: Montella

Marcatori: De Rossi 44'
Arbitro: Banti di Livorno
Assistenti: Iannello e Bianchi. Quarto Uomo: PeruzzoNOTE.
AMMONITI: De Rossi, Mexes
RECUPERO: 1′ pt; 5′ st

Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente http://tifosicagliaricalcio.forumattivo.it
Admin
Admin
avatar

Messaggi : 142
Data d'iscrizione : 11.02.11

MessaggioTitolo: Re: Serie A 2010/11   Dom Feb 27, 2011 11:50 am

Juventus-Bologna 0-2.L'ex Di Vaio si mangia la Juve: il Bologna ci umilia!



Al peggio non c'è mai fine. La Juve non dà segni di vita apprezzabili dopo la pesante sconfitta di Lecce, anzi, perde nuovamente, stavolta in casa, incassando ancora una volta due gol, senza riuscire a realizzarne nessuno. La squadra bianconera, dopo un primo tempo tutto sommato accettabile, crolla nella ripresa, sotto i colpi dell'ex juventino Di Vaio, e probabilmente dice addio definitivamente alla possibilità di qualificarsi per la prossima edizione della Champions League. Prima dell'inizio del match Del Neri deve rinunciare a Buffon, squalificato, e ad Aquilani infortunato, e schiera Storari in porta e Marchisio a costituire la coppia centrale di centrocampo con Felipe Melo, mentre Martinez prende il posto dello stesso Marchisio sulla fascia sinistra. In attacco il tecnico di Aquileia si affida alla coppia Iaquinta - Matri. Nel Bologna l'assente illustre è Ramirez, fermato dal giudice sportivo, al posto del quale Malesani schiera Della Rocca in posizione di trequartista. La prima occasione del match è di marca bianconera: al 14' Matri viene servito al centro dell'area da Chiellini, ma calcia malamente a lato. In questa fase il match è molto equlibrato, con la Juve che cerca di legittimare una certa supremazia territoriale nei confronti del Bologna al 26' con Felipe Melo, che dopo una buona azione in percussione va al tiro, trovando la risposta di Viviano. La Juve spinge con decisione alla ricerca del vantaggio, e crea un'altra occasione da gol al 33', con Matri che serve Iaquinta, il quale prova una girata che va alta sopra la traversa difesa dal portiere rossoblù. L'occasione più nitida per passare in vantaggio capita ai bianconeri 10 minuti dopo: protagonista è ancora Iaquinta, che coglie il palo sugli sviluppi di un corner con una bella girata di sinistro. Il primo tempo si chiude sullo 0-0, con una Juve che ha concesso poco o nulla al Bologna, sfiorando più volte il gol del vantaggio. La ripresa si apre con un doppio cambio nelle fila bianconere: escono Martinez e Iaquinta, probabilmente non in grado di reggere i 90 minuti, ed entrano Luca Toni ed Alex Del Piero, anche se è il Bologna a colpire, e in maniera letale: al 49' Di Vaio, sfrutta un pallone messo nello spazio da Mutarelli, riuscendo ad evitare gli interventi di Barzagli e Chiellini e scavalcando con un tocco beffardo Storari in uscita. L'1-0 dei rossoblù svuota di ogni energia i bianconeri, che vengono dominati dalla squadra di Malesani nella prima parte della ripresa. La Juve prova a reagire al 56' con Del Piero, che calcia una punizione sulla quale Luca Toni non riesce ad arrivare per un soffio. Un minuto dopo è ancora Marco Di Vaio, protagonista assoluto del match, a seminare il panico nella difesa juventina, e a scaricare un bel destro che esce a lato della porta difesa da Storari. Al 65' la Juve ha una grossa occasione da gol: sugli sviluppi di un calcio di punizione, Bonucci riesce a toccare la palla sul secondo palo, ma Britos salva tutto, anticipando Chiellini che cercava l'impatto vincente. Gol sbagliato, gol subito: il Bologna raddoppia al 66' con Di Vaio, che, servito da un gran tacco di Meggiorini, rientra e va al tiro sul primo palo, battendo Storari. La seconda rete dei felsinei è una vera e propria mazzata per la Juve e Del Neri, che prova a dare una scossa inserendo in campo Pepe al posto di Grygera, anche se l'unica occasione nel finale di partita ce l'ha Luca Toni, che calcia una sorta di rigore in movimento: l'attaccante bianconero è sfortunatissimo e trova il salvataggio di Portanova sulla linea. Romeo fischia la fine della partita al 93': il Bologna espugna Torino grazie a due reti di un ottimo Di Vaio, e rende la propria classifica molto più tranquilla. Quella della Juve piange lacrime amare: domani sera la Lazio potrebbe essere a 10 punti, e in quel caso non sarebbe fuori luogo affermare che la stagione della Juve è finita a febbraio.

Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente http://tifosicagliaricalcio.forumattivo.it
Admin
Admin
avatar

Messaggi : 142
Data d'iscrizione : 11.02.11

MessaggioTitolo: Re: Serie A 2010/11   Lun Feb 28, 2011 4:09 pm

27' Giornata
Amauri blocca la Roma, l'Udinese ne fa 7 a Palermo



Dopo il pesante scivolone della Juventus e in attesa delle gare che vedranno in campo le prime tre della classifica (stasera l'Inter è impegnata sul campo della Sampdoria, domani c'è il big match tra Milan eNapoli), la 27^ giornata del campionato di Serie A fa registrare lo stop della Lazio, sconfitta sul campo del Cagliari, e il pareggio casalingo della Roma, bloccata in rimonta dal Parma. Il risultato che fa più scalpore, però, è quello di Palermo, dove l'Udinese travolge i rosanero con un pesantissimo 7-0.

CLAMOROSO AL BARBERA - Nella lotta alla zona Champions, dunque, l'unico passo avanti lo fanno gli uomini di Guidolin, che vedono avvicinarsi sensibilmente il quarto posto. Incredibile quello che succede al Barbera, dove Di Natale (tripletta) e Sanchez (poker) infliggono una lezione durissima alla squadra di Delio Rossi. Aspettando Cavani, che domani sera tenterà di aggiornare il proprio score, il capitano friulano si porta in testa alla classifica marcatori a quota 21 gol.

DOPPIO AMAURI, ROMA BEFFATA - I friulani sono ora ad un solo punto dalla Lazio. Dopo due vittorie consecutive, la squadra di Reja perde 1-0 a Cagliari e subisce la settima sconfitta stagionale. Non va molto meglio alla Roma, bloccata in casa da un indomito Parma. Non bastano i gol di Totti e Juan nel primo tempo: trascinati da uno strepitoso Amauri, autore di una doppietta, gli emiliani ottengono un punto preziosissimo.

JIMENEZ, RIGORE DA TRE PUNTI - La quota salvezza, infatti, si alza con la vittoria del Cesena, che piega il Chievo grazie ad un rigore di Jimenez a tempo scaduto e supera in classifica il Brescia, bloccato 2-2 dal Lecce al Rigamonti. Fondamentale successo del Catania nella gara delle 12.30: gli etnei si impongono 2-1 sul Genoa e fanno un grande passo in avanti verso la permanenza in Serie A.

SERIE A, RISULTATI 27^ GIORNATA

Juventus-Bologna 0-2 (4' st Di Vaio, 21' st Di Vaio)
Catania-Genoa 2-1 (19' pt Floro Flores [G], 6' st Maxi Lopez [C], 10' st Bergessio [C]
Bari-Fiorentina 1-1 (21' pt Gilardino [F], 42' st Ghezzal [B])
Brescia-Lecce 2-2 (17' pt Caracciolo [B], 19' pt Zoboli [B], 25' pt Corvia [L], 30' st Munari [L]
Cagliari-Lazio 1-0 (40' pt Dias aut.)
Cesena-Chievo 1-0 (45' st Jimenez rig.)
Palermo-Udinese 0-7 (10' pt Di Natale, 19' pt Sanchez, 28' pt Sanchez, 41' pt Di Natale, 42' pt Sanchez, 3' st Sanchez, 15' st Di Natale rig.)
Roma-Parma 2-2 (19' pt Totti [R] rig., 36' pt Juan [R], 29' st Amauri [P], 34' st Amauri [P])
Sampdoria-Inter 0-2 (28' st Sneijder,49' st Eto'o)
Milan-Napoli - Stasera ore 20.45

Fonte: http://www.newnotizie.it



Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente http://tifosicagliaricalcio.forumattivo.it
Admin
Admin
avatar

Messaggi : 142
Data d'iscrizione : 11.02.11

MessaggioTitolo: Re: Serie A 2010/11   Mar Mar 01, 2011 10:10 pm

Milan, lezione al Napoli: 3-0! Gol di Ibra, Boateng e Pato



I rossoneri dominano la sfida di vertice. Tutte le reti nella ripresa: apre le marcature lo svedese su rigore concesso per un contestato mani di Aronica, poi vanno a bersaglio il ghanese nuovo entrato e il Papero, in grande serata. Ospiti troppo rinunciatari, mai pericolosi, scavalcati in classifica dall'Inter che è a -5

Il Milan affonda il Napoli e con un 3-0 meritato, ma che inevitabilmente farà discutere, mantiene il ritmo verso la meta finale, staccando gli azzurri a sei punti e mantenendo le cinque lunghezze sull’Inter. Vittoria con il giallo, perché dopo un primo tempo così così, con un Napoli troppo rinunciatario, a far decollare il successo dei rossoneri è un discusso rigore concesso da Rocchi per un fallo di mano di Aronica poi trasformato da Ibra. Ma i due gol successivi, il primo di Boateng su assist di Pato , il secondo del brasiliano stesso con una prodezza, basta e avanzano per assegnare giustamente i tre punti ai primi della classe.

POCHE EMOZIONI — La partenza del Milan è aggressiva; qualche minuto di possesso palla con gli azzurri rintanati nella loro trequarti, ma pronti a rilanciare la manovra. Studiate le misure, i ragazzi di Mazzarri sfoggiano un buon palleggio, ma senza trovare penetrazione. Al 10’ Ibra ci prova da posizione defilata, ma il tiro è alto; impreciso come il bolide di Hamsik al 12’. Bella, anche se alta, la conclusione dal limite di Gattuso al 22’ dopo un lungo batti e ribatti nell’area del Napoli. I rossoneri fanno la partita, ma non riescono a trovare spazi nell’organizzato reparto difensivo del Napoli. Al 34’ sale in cattedra Van Bommel. L’olandese, dopo un numero d’alta scuola, tira in diagonale su Aronica proteso in scivolata, con De Sanctis battuto. Il momento del Milan sembra quello propizio, ma manca un pizzico di cattiveria in più. Come al 40’, quando Pato, con la difesa azzurra in stato confusionale, non imprime forza al pallone che Aronica spazza con la porta sguarnita. Il brasiliano, insolitamente nervoso, conferma comunque di non avere feeling con Ibra, a sua volta braccato e a tratti poco lucido. Nessuna notizia da Cavani, anche se è il Napoli, dal centrocampo in su, a latitare non potendo contare su un Hamsik ispirato e una maggiore spinta sulle fasce di Maggio e Dossena.

RIGORE E POLEMICHE — La ripresa la inaugura van Bommel al 2’, con un sventola da destra deviata da De Sanctis. Grande occasione che anticipa di poco il vantaggio rossonero. Al 3’, infatti, Aronica ferma con la mano un’insistita azione del Milan sulla linea di fondo. Per Rocchi è rigore, per il Napoli un’ingiustizia; in ogni caso una decisione difficile che scatenerà ulteriori polemiche. Penalty con tanto di giallo al difensore azzurro, trasformato nell’angolino da Ibra. Il gol sgonfia il Napoli, che rischia il tracollo. Al 10’, quando Pato con un gran destro a giro obbliga De Sanctis alla grande deviazione in angolo, al 15’ quando il portiere dei campani ferma con l’istinto il tocco sottomisura di Robinho. E proprio il brasiliano viene sostituito da Allegri con Boateng, mentre Mazzarri replica con Zuniga per Mascara.

SUPERPATO — La reazione del Napoli non è però adeguata. Il Milan controlla e opta per il gioco di rimessa. E mentre gli azzurri stanno inspiegabilmente a guardare, i rossoneri dilagano. Con Pato. Il “Papero” al 32’ si ritaglia uno spazio sulla linea di fondo e ignorando il libero Ibra mette davanti a De Sanctis la palla perfetta che Boateng esplode in rete. Ma è esaltazione pura il contropiede del brasiliano che al 34’ dopo avere tagliato in due la difesa del Napoli infila nel sette da fuori area. La firma d’autore in una serata da sballo per i milanisti.


Inter, a Marassi è -2! Sneijder-Eto'o rompono il sortilegio



L'olandese porta in vantaggio l'Inter su punizione, il camerunese esulta nel finale. Nel primo tempo solo il palo nega il gol a Poli
Negli ultimi anni è stata la "bestia nera" dei nerazzurri, ma stasera ci ha pensato Sneijder con una gran punizione al 28' s.t. a rompere il sortilegio di Marassi. Poi nel finale Eto'o (dopo quattro gare senza gol) ha contribuito al successo nerazzurro col suo sedicesimo centro. E ora l'Inter scavalca in classifica il Napoli e si porta a ridosso del Milan. Due punti li separano dai cugini rossoneri, in campo domani sera al Meazza proprio contro i partenopei. Nel primo tempo l'Inter era parsa un po' bloccata e l'occasione migliore l'aveva avuta la Samp con un tiro di Poli fermato dal palo. In effetti i blucerchiati hanno più volte messo alla prova Julio Cesar.

Pazzini, l'uomo più atteso, è rimasto a secco, ma è stato accolto dagli applausi degli ex tifosi. È la prima volta che Pazzini viene a Genova da ex, indossando la maglia dell'Inter. Nel settore dei distinti è comparso uno striscione con su scritto "Grazie forever Pazzo". L'attaccante interista ha contraccambiato gli applausi.

Fonte: http://www.gazzetta.it
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente http://tifosicagliaricalcio.forumattivo.it
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: Serie A 2010/11   

Torna in alto Andare in basso
 
Serie A 2010/11
Torna in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» K blade 98 - Prima e Seconda serie
» neve 2010!!!
» Wilson BLX Tour 2010
» Modelli 2010: eccoli finalmente!!
» La mia STING SUPER HPC 2010 tiene il telaio rotto.

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
 :: Il Mondo del Calcio :: Serie A 2010/11-
Andare verso: